David Lynch prima di andare a dormire

Ant Head.png

Settant’anni sembrano un’età tranquilla. Briscola, tè freddo e nipoti, da ripetere in un ciclo tanto monotono da essere quasi spaventoso. Poi apri Youtube e i settant’anni diventano terrificanti per tutt’altro motivo: è l’età superata la quale David Lynch pubblica ancora cortometraggi che non vanno visti prima di dormire. Un fischio metallico accoglie lo spettatore mentre un grumo sfocato, bianco e nero, emerge dall’oscurità. Si intuisce un movimento frenetico: formiche. Ant Head è una ripresa di tredici minuti di una palla di cera modellata a forma di teschio, ripiena di carne e formaggio per nutrire le centinaia di formiche che vi brulicano dentro e fuori incessantemente. Se pure il progetto artistico e musicale, diffuso da Lynch in occasione del suo Festival of Disruption 2018, non sia facile da digerire, è sicuramente molto curato: il regista, in un’intervista a Rolling Stone, ha ricondotto l’idea a trent’anni fa, quando si ritrovò la casa piena di formiche, e si mise a studiarne le abitudini. L’esperienza lo colpì molto, e poco dopo la usò per creare la cover dell’album The voice of Love (1993) di Julee Cruise. Questo, dopotutto, è frutto di una lunga collaborazione tra Lynch e la Cruise, in cui il primo le prestava tracce audio (vedasi Up in flames) e la seconda gli prestava la voce (nelle colonne sonore di Twin Peaks e Cuore selvaggio).

The voice of love.jpg

Anche la soundtrack del corto Ant Head è curatissima: sono due tracce di produzione della Thought Gang, collaborazione sperimentale di Lynch e del compositore americano (di origini sicule) Angelo Badalamenti: Frank 2000 e Woodcutters From Fiery Ships. Quest’ultima appartiene all’album, chiamato a sua volta Thought Gang, rilasciato qualche settimana fa dal duo dopo venticinque anni in soffitta. Il genere? Alcuni lo chiamano jazz indipendente, Badalamenti lo definisce «cacofonia organizzata». A voi il giudizio.

Riflessione escatologica o straniamento dispettoso, Ant Head non è comunque consigliato a chi vuole dormire tanto e bene.

Bocca

Mamma?

Dopo questo scorcio scabroso, chi abbia davvero visto il video prima di dormire (come me) starà cercando qualcosa con cui cullarsi nel sonno. Vecchio come il mondo, un trucco comune è stordire stomaco e mente con del cibo. Sicuramente, dopo averli visti divorati dagli insetti, non vi propongo carne e formaggio. Magra consolazione per i cuordileone ma dolce placebo per i giovani vecchi, l’accostamento di oggi è con il comfort food per eccellenza: Nutella.

Nutella

Con un cucchiaino in bocca e il ronzio di Lynch nelle orecchie, spengo la luce e chiudo gli occhi. Domani vi saprò dire se funziona davvero.

Un pensiero riguardo “David Lynch prima di andare a dormire

  1. Ho letto il tuo articolo e nonostante sia serio e con molti riferimenti culturali, m’è parso di scorgere un tuo lieve sorriso ; ti ho visto lanciare una sfida ai lettori, sicura di vincerla …In questo scritto ci sei tutta tu colta, ottima parlatrice e spiritosa…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...